+39 3388216269 Passo Barnabiti 5/2, 16122 Genova

Costruiamo una scuola per i bambini di Nsangi / Madimba
nella Repubblica Democratica del Congo.

Descrizione del Progetto:
Più del 39% dei giovani residenti nel territorio di Madimba vivono in una profonda situazione di disagio e arretratezza, non essendo inclusi dai programmi educativi portati avanti dal governo centrale.
Questa situazione ha provocato un tasso disastroso di analfabeti sia nella popolazione tra i 5 e 15 anni che tra i giovani dai 25 ai 35 anni, soprattutto nel villaggio di Nsangi, che dista più di ventisei (26) chilometri dalla città di NSONA BATA dove si trova la scuola più vicina “KIPAKO” a più di diciassette (17) chilometri dalle sue frontiere, dove ogni giorno si dirigono bambini piccoli e grandi in un estenuante tragitto di andata e ritorno per poter assistere alle lezioni.
Vista la catastrofica situazione socio economica a cui si vanno ad aggiungere le moltissime difficoltà delle famiglie del villaggio, une dei rimedi che a nostro parere potrebbe incidere notevolmente nel
miglioramento sul corto e lungo periodo della vita dei bambini di Nsangi sarebbe quello di poter contare con una scuola primaria comunitaria sul territorio.
È per questa ragione che noi come associazione”Mabota” A.S.A sollecitiamo l’aiuto finanziare anche da parte di Banco Popolare per poter realizzare, insieme, insieme al comitato di saggi del Villaggio di
Nsangi nel settore (municipio) di Ngufu, questo progetto comunitario che ci permetta di poter stimolare e dare una possibilità aggiuntiva ai nostri giovani futura forza di domani, perché possano beneficiare di una buona formazione che a sua volta gli permetta di avere le opportunità per un
promettente futuro sia per loro che per la collettività.

Obbiettivi Generali:
Attivare un sistema di formazione scolastica di base a Nsangi per i Villaggi dei comuni di Madimba, il territorio di Madimba conta oggi più del 39% dei giovani che si trovano nel luogo degradato e svantaggiato dal programma del governo per quello che riguarda l’istruzione.

Obbiettivi specifici:
• Una sensibile riduzione dell’analfabetismo nella zona.
• Un ringiovanimento della popolazione rurale.
• Una Valorizzazione del mestiere di insegnante di base.
• Un coinvolgimento delle famiglie.

Risultati attesi:
• Costruire un edificio con 6 aule e uffici.
• Una installazione igienica con locali.
• Acquisto dei banchi e dei materiali didattici.
• Mettere una cisterna di riserva d’acqua con capacita di 10mc.

Eventuale data di inizio del progetto:
Agosto 2017

Eventuali Partners Locali del progetto:
A.S.B,L “Mabota” , Comitato dei saggi del Villaggio Nsangi, TERRITORIO DI MADIMBA

Altri eventuali partners del progetto:
Tavola Valdese, Banco di chiavari (Banco popolare – BPM) e municipio 1 Genova Centro Est.

Costo previsto per l’esecuzione del Progetto: € 40.780,04

Accesso ad altri finanziamenti del progetto € 35.780.04 messi a disposizione da “Mabota” provenienti dalle nostre manifestazioni di solidarietà e dai fondi dell’otto per mille della chiesa Valdese.

Conferenza Stampa di presentazione del progetto per la scuola

PROGETTO “INSIEME SI PUO’ SCUOLA”

Un viaggio tra le meraviglie della diversità

 

PREMESSA:

L’idea-progetto che proponiamo è orientata a favorire l’emergere di un’ottica positiva di respiro interculturale.

Creare un contesto in cui sia possibile vivere un apprendimento creativo-interattivo e sviluppare quella naturale predisposizione dell’uomo ad accogliere la diversità.

Quindi abbiamo concretizzato la stesura della presente bozza che verrà ampliata e dettagliata con una modalità partecipata tra i diversi attori interessati alla sua realizzazione.

Le diverse attività proposte saranno declinate e modulate in base alla disciplina della geografia umana, in un contesto multidisciplinare e in relazione all’età dei destinatari, essendo interessati diversi plessi di un istituto comprensivo.

Saranno compresi elementi valutativi dell’esperienza:

  • Raccolta dati gradimento delle singole attività da parte dei destinatari.
  • Questionario valutativo da sottoporre agli insegnanti.
  • Mappa finale elaborata insieme agli alunni.

 

INTRODUZIONE

L’associazione Mabota, nata per volontà di un gruppo di amici AFRICANI è presente sul territorio genovese dal 2005, iscritta al registro del terzo settore/sezione Volontariato della Regione Liguria dal 2010.

Le sue iniziative sono tutte volte a favorire il dialogo tra le comunità presenti sul territorio e i cittadini residenti, oltre a sostenere progetti di cooperazione internazionale per favorire lo sviluppo nei paesi dell’Africa.

La parola “MABOTA” significa “FAMIGLIE”, le numerose famiglie che formano una comunità.

Il progetto “Insieme si può” è il capofila di una serie di attività volte a raggiungere gli scopi dell’associazione, esso, tra queste, prevede un torneo di calcio e il festival della musica del mondo “Ngwoma Mundo”, con lo scopo di sensibilizzare le persone sul tema dell’integrazione e con la finalità di creare uno spazio condiviso fatto di Calcio, musica e solidarietà tra le diverse etnie e i cittadini.

l’Associazione vuole promuovere un progetto di formazione e sensibilizzazione all’interno delle scuole cittadine.

 

CONTESTO SCOLASTICO E TERRITORIALE

Il progetto è rivolto alla comunità scolastica della città di Genova.

DESTINATARI

Alunni della scuola primaria e secondaria .

Il progetto può essere modulato in base alle diverse età, tuttavia sarà necessario dedicarlo a un numero limitato di classi (non più di due) per garantire l’accuratezza dell’intervento.

 

PREREQUISITI

Le scuole devono essere dotate di connessione Wi-Fi, LIM o PC a disposizione degli studenti, oltre a materiali di cancelleria per realizzare cartelloni tematici. Materiali per laboratori.

 

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO:

 

Comprendere l’esistenza di più culture.

Apprendere l’ascolto di diverse lingue del mondo.

Scoprire la disponibilità di risorse.

Cogliere elementi inter/intra-disciplinari.

Favorire l’ampliamento delle conoscenze culturali attraverso la lettura di narrative “altre”.

Costruire una mappa narrativa/partecipata.

 

OBIETTIVI FORMATIVI:

 

Collaborare con i propri compagni.

Confrontarsi con culture e persone nuove.

Capacità di integrare informazioni storiche, geografiche e ambientali.

Capacità di riassumere ed esporre notizie utili.

Sensibilizzare al rispetto delle diversità.

Favorire l’acquisizione di competenze emozionali-relazionali.

Favorire l’acquisizione di competenze nella condivisione di esperienze.

Favorire l’acquisizione di competenze civiche.

 

METODI:

 

Si utilizzeranno metodi multipli: lezione frontali con e senza ausilio di LIM o PC, Laboratori esperienziali , lettura e dialogo.

 

DESCRIZIONE DELL’ESPERIENZA:

 

Tutto il progetto sarà sviluppato “INSIEME”, poiché asse portante è proprio il sostegno reciproco per una crescita comune. L’obiettivo non è trasmettere e ricevere, nella conduzione del messaggio, ma l’attivazione di un ascolto partecipato sviluppato in senso circolare perché “Ogni emittente è ricevente e ogni ricevente è emittenete”( E.Goffman, Il comportamento in pubblico, Einaudi, To, 2006) .

Per questo le attività proposte, pur mantenendo una base comune, restano volutamente schematiche.

Esse saranno strutturate con gli attori interessati durante il percorso: con le insegnanti in base alla propria classe e alle specifiche esigenze, con gli alunni e i collaboratori dell’associazione.

 

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

 

Le varie attività comprendono un tempo tra 2 e 4 ore.

Il calendario delle attività vorrebbe essere sviluppato tra Febbraio e maggio con cadenza di uno/due incontri mensili. Mentre tra ottobre e dicembre è il periodo scelto per eventuali incontri di preparazione e organizzazione.

 

ATTIVITA’

Lemba Mayizola- Bin Kazadi Mulumba- Clementina Gigliotti, Teresa Gigliotti. 2 ore

 

Con l’aiuto del presidente dell’Associazione e dei suoi collaboratori i bambini affronteranno un viaggio che gli permetterà di conoscere alcuni paesi tra quelli interessati dall’associazione. Insieme con l’ausilio della LIM, potranno apprezzare le diverse etnie, usanze, costumi e apprendere la geografica dei popoli.

 

 

“GEOGRAFIE DI SUONI E PAROLE: Ciao Habari Alo Ndewo Sawubona Hi”

L.Mayizola, Thierry Ndom, Jean Blaise, Thérese Thèodor,C.Gigliotti, T.Gigliotti. 4 ore

 

Invitiamo rappresentanti di più paesi (4-6) che vivono a Genova e facciamo conoscere le diverse lingue di cui sono portatori.

Dopo aver ciascuno fatto una piccola presentazione ai bambini, li dividiamo in gruppi e affianchiamo ad ognuno un rappresentante. Insieme cercheranno di creare qualcosa con le parole delle diverse lingue, alla fine con il sostegno dei madrelingua ogni gruppo proverà a trasmettere il proprio lavoro agli altri dando la possibilità di condividere e assaporare così i suoni diversi.

 

Se si riusciranno a creare le condizioni di connessione si potrà tentare di sperimentare un contatto diretto attraverso Skype con una località africana, possibilmente con una scuola.

 

 

“LEGGIAMO INSIEME”:

Anyanwu Alfonso, B.K.Mulumba 2 ore

Fiabe tradizionali africane, per la primaria, letture d’autore, per la secondaria.

Letture animate e dialogo.

 

“COSTRUIAMO INSIEME UNA MAPPA”:

Teresa Gigliotti, Clementina Gigliotti 4 ore

 

Traduciamo il percorso fin qui vissuto in una mappa narrativa, arricchendola di contenuti personali e contributi aggiuntivi.

Creiamo metaforicamente la “nostra geografia” focalizzando l’attenzione sui punti di condivisione con i protagonisti del percorso e pratichiamo una sintesi sulla “nostra cartina” che sarà la testimonianza del lavoro condiviso.

 

Tutto il progetto sarà sviluppato INSIEME a rappresentanti della scuola, dell’associazione “Mabota” e a soggetti che con essa collaborano come il Municipio.

Teresa Gigliotti

Scroll Up